Get Adobe Flash player

Chingetti

Chinguetti, la scuola materna è una casa della gioia

IL PROGETTO Annamaria, mamma di Giovanni, ha visitato la struttura in Mauritania. «Da novembre accoglie 120 bambini» La scuola dell’infanzia è stata realizzata con i fondi della Lorenzin L’associazione ha inoltre preparato il personale con un’adeguata attività formativa

“Maison de la joie”. E’ scritto in maiuscolo sulla targa in ottone esposta nella scuola materna di Chinguetti, in Mauritania, realizzata con il finanziamento dell’associazione Lorenzin in memoria dell’impegno di Giovanni per quelle popolazioni. «Ho trovato proprio una casa della gioia» dichiara la signora Annamaria, mamma di Giovanni, al ritorno dalla recente visita. «La scuola dell’infanzia – prosegue – già dal novembre 2010 accoglie 120 bambini dai 2 ai 5 anni. Sono seguiti da 16 persone: direttrice, maestre, assistenti, inservienti, cuoche e vigilanti» L’edificio è stato realizzato con un investimento interamente pagato con gli aiuti raccolti dall’associazione per un totale di 140 mila euro. Una realizzazione analoga in Italia sarebbe costata oltre 1 milione di euro. La struttura è poi stata arredata con banchi, sedie, mobili d’ufficio ed elettrodomestici. L’associazione portogruarese si è assunta inoltre l’onere di preparare il personale con un’adeguata attività formativa che è stata svolta dall’organizzazione internazionale “Terre des Hommes” cui l’associazione si appoggia per tutte le attività di solidarietà in Mauritania. La gestione L’associazione Giovanni Lorenzin si è impegnata con il Comune di Chinguetti a garantire la gestione per un quinquennio, al termine del quale la scuola dovrebbe essere affidata completamente alla comunità locale. Nel primo biennio sono stati impegnati quasi 80 mila euro: è stato il periodo più oneroso perché si sono dovute coprire le maggiori spese necessarie all’avviamento (arredamento, materiale didattico, formazione del personale). La spesa annuale per il personale è stata calcolata in circa 20 mila euro, che inizialmente rimane tutta a carico dell’associazione. Negli anni successivi l’impegno economico dovrebbe essere decrescente perché l’associazione punta a una graduale assunzione di oneri e di responsabilità da parte della popolazione locale.

Antonio Martin

Clicca qui per vedere la pagina del giornale

Canale Youtube
Youtube canale Associazione Lorenzin